Prima pagina del nuovo duetto «L'amato padre mio» (1824)

Passando col mouse sulle immagini si portano in primo piano per agevolare il confronto.
La rielaborazione ad opera di Giuliano Castellani. La partitura autografa originale.